Ecco giornata primaverile

Non c’è. Ti cerco e non ti trovo, le mie gambe sono deboli per solcarti. L’aria fresca ancora non sa a te, piuttosto un autunno che non vuol andare via.

Lo sguardo si perde nel nulla, gente cammina freneticamente, le macchine corrono; io no, non posso. Ferma sotto un albero di fronte al ospedale, non è un granché.

Se ti facesti viva almeno goderei della tua compagnia, invece no, non ne vuoi sapere, restia sei.

Tua.

29 aprile, 2022.

By tenor

Parole estrapolate

“La parola patria non l’ho mai pronunciata: in nome della patria i popoli commettono ogni nefandezza. Io abolirei la parola “patria”, come tante altre parole: “mio”, “zitto”, “obbedisci”, “la legge é uguale per tutti”, “nazionalismo”, “razzismo”, “guerra” e quasi anche la parola “amore”, privata della sua sostanza.”      

Tratto da Il pane perduto.

Edith Bruck, (Steinschreiber da nubile ),di origini ebrei, nasce a Tiszabercel, Ungheria il 3 maggio 1931. Scrittrice, poetessa, traduttrice, regista e testimone della Shoah, naturalizzata italiana.
By fridalaloka.com

Tua.

17 marzo 2022.

Guarda “Russians unplugged live – Sting 2022” su YouTube

La parola viene ammeno.

Struggente, quanto profondamente triste.

La parola viene ameno
Quando ai tuoi occhi
Arriva ingiuria e pazzia.

Serve per dialogare,
Negoziare, vocabolo freddo
Pieno di strategie e poca sincerità.
Canova piange la sua Pace scolpita da quelle parti.

Tanti bambini non capiranno
Perché mamma festeggiava
La sua, anche adesso è occupata
Tanti pensieri e preoccupazioni.

Non molto tempo addietro, cambiava pannolini, oggi combate una guerra.

Tua.
8 marzo, 2022.

E, sì l’ho ammetto.

https://www.instagram.com/reel/CaWodF8l4Vt/?utm_medium=share_sheet

Dopo queste parole dette questa mattina da, se si può definire presidente, Putin, mi è attraversata un’aria fredda per la schiena.

Un brivido che neanche nei peggiori momenti di sconforto mi è arrivato. Dopo finte trattative ( da parte sua), e sanzioni varie, che per lui oltre ha farsi una risata nevrotica e malata, con USA e Europa occidentale, è praticamente ufficiale e mi sembra dopo questo ” avviso” perché non è altro, che signori miei ” siamo un guerra”.

Perché dire: – […]conseguenze che non avete mai esperimentato nella storia[…]

È pura follia e desolazione!!

Dopo di che, spengo subito tutto e metto musica, più precisamente, blues e jazz, per tutto il giorno (quello melodioso), che hanno avuto in me sempre un effetto narcotico, per non pensare sostanzialmente. Come gli afroamericani (i negri) sì, schiavi lavorando nelle piantagioni di cotone e tabacco al sud, cantavano per no pensare…

Tua.

24 febbraio, 2022.