E siamo soltanto a martedì.

Arrivare a mercoledì per me e tutto un traguardo, con tanto di medaglia. Finire la settimana è ben altro discorso, ogni stramaledetto venerdì, mi accingo mentalmente ad ascoltare ‘Chariots of Fire’ e là, lontano, vedo il mio di nastro. Non è semplice fare come se la mia vita fosse ‘normale’ perché semplicemente non lo è. Ma come Frida, vado avanti, come posso.

By fridalaloka.com

In ogni suo singolo scatto, quello che colpisce di più non è il suo aspetto ( per tanti canoni), trascurato, soppraciglie folte, baffi ben allineati.


Almeno per quanto mi riguarda, proprio il suo sguardo, gagliardo, sicuro, diritto alla lente, senza ripensamenti, con un bagaglio d’accettazione che io non possiedo, uno sguardo decisamente di sfida.
Il mento in su, sventolando veste di colori variopinti e importanti orecchini d’ogni genere, pure un paio che raffigurano delle mani, regalatole da Picasso,  quando si son conosciuti in una delle tante tertulie occasionali chissà, a parlare di politica e forse d’arte.

By fridalaloka.com

Se guardo addietro, vedo in me quella gagliardia che oggi credo di aver perso, mentre che paradossalmente proprio dopo i suoi peggiori anni della vita, Frida ha saputo risollevarsi, da sola. Lei con al suo fianco la sua inseparabile ombra, fedele, forse l’unica.

By fridalaloka.com

Tua.
31 maggio, 2022

Domenica fredda a spasso

Una domenica a spasso, almeno per quanto mi riguarda, mi fa tornare nel tempo, la giovinezza spensierata, camminate senza tempo per viuzze gioiello, tutte da scoprire, conosco il posto, ci sono vissuta, e scopro, mi attira ancora, affascinante, elegante come anziana signora ma al contempo viva, dinamica, musicisti ad ogni angolo di tanti negozi con le tapparella giù, mostrano la loro, d’ogni genere.

Gente che timidamente risveglia la voglia di uscire del guscio che ormai, era casa, ed era anche la normalità… i loro occhi guardano in giro come fosse la scoperta pure d’un cielo, anche sé cupo, a chi diamine importa! Tanta tenerezza e brio in bambini che corrono di qua e là, un gruppetto addirittura azzarda una palonnata tra amici e i sorrisi, si percepisce la felicità.

Poi, dopo lunga camminata, fermata nel bar, caffè e perché no anche grappa, per smorzare un pò il sangue freddo e le dita viola. Non ci ferma nessuno. Proseguiamo, inizia a calare il sole che non c’è, si fa buio.

El obbiettivo era chiaro sin dall’inizio, trovare un piano publico, difficile in periodo ” semi post pandemia” invece, l’abbiamo raggiunto, una propria vera caccia al tesoro! Ho assaporato anche sé, visto da fuori e ho percepito la energia nel corpo, cosa sente un musicista…. la passione.

Julián Gómez

Julián Gómez

Fridalaloka.com
Fridalaloka.com

Tua.

28 marzo, 2022.

Ancora

Non dico basta, perché ancora non finisce
perché pese a tutto, ancora fiore sboccia
germogli d'ogni sono lì pronti.
Perché sempre torniamo sui nostri passi,
su sentieri già battuti mile volte,
avvolti di bruma
che toglie il fiato e ci si sbaglia, ancora.

Non dico basta, perché ancora non è finita
perché malgrado questo grigiore che ci avvolge
e soffoca, resta quel poco di pensiero, se pur onnubilato, per riflettere.

Non dico basta, perché ancora non è finita
si può percepire timidamente
ancora, il cinguettio fremere al mattino.

Non dico basta, perché ancora non è finita
perché c'è da piangere ma anche tanto per cui,
vale la pena ridere a squarciagola.


Non dico basta, perché ancora non è finita
perché ci sono infinite sfide d'intraprendere
perché se non mi ci butto sarà stato
un semplice forse.


Non dico basta, perché ancora non è finita
finché ci sia aria da riempire polmoni,
voce per canticchiare oppure urlare, occhi per vedere tutto, il bello, pure quello che no sopporti.


Ma, nel caso, il tempo si ostinasse con me, sarò io a dire la mia.

E sarà la volta buona per dire, basta.

Tua.

23 marzo, 2022.